Altitudine s.l.m.:  207 m.;

Abitanti: 38.241 (popolazione residente legale - Censimento 2001);

Superficie Territoriale: 19.600 ha;

Sindaco: Prof. De Rosis Armando;

Data Elezione: 28.05.2006;

Municipio: Via Aldo Moro tel. 0983/83851;

Festa Patronale:23 – 25 Aprile, S. Francesco di Paola;

Corigliano panorama.jpg (10818 byte)

Le Chiese

S. Maria Maggiore o Della Platea (sec.x°) - San Pietro sorge accanto al Castello e custodisce numerosi tesori tra i quali la Tavola dell’Odigitra - del Carmine (sec. xv°) – Sant’Antonio (I° metà del ‘400) con organo settecentesco del napoletano Filippo Basile e Mausoleo di Barnaba Abenante - San Francesco (1476) edificata direttamente dal Santo Paolano - S.Anna o S.Maria di Loreto (1582) conserva il polittico di Ippolito Borghese e l’Ecce Homo - S. Maria di Costantinopoli consacrata nel (1686) - Santa Chiara o delle Monachelle (1762) -

 

Personaggi illustri

I Santi Leone Somma e Nicola Abenente, martirizzati a Ceuta in Marocco;

Antonio Toscano, eroe di Vigliena;

Matteo Persiani, (1552) padre cappuccino, poeta e scrittore;

Girolamo Garopoli (1606) poeta, tra le sue opere il poema "Il Carlo Magno ovvero la Chiesa vendicata";

Pier Tommaso Pugliesi (1642), Monaco Carmelitano, scrisse "Istoria apologetica dell’Antica Ausonia, oggi detta Corigliano 1707";

Luigi Patarì (1872) medico illustre;

Giuseppe Amato (1831), medico, scrittore ma soprattutto storico, scrisse la "Crono Istoria di Corigliano Calabro";

Luigi Palma (1837) e Costantino Mortati (1891), maestri del Diritto e Costituzionalisti;

Vincenzo Valente (1855), musicista;

 

Beni artistici

Sala specchi.jpg (8881 byte)

Castello Ducale: Edificato da Roberto il Guiscardo intorno al 1073, elegante, solido e maestoso domina le case circostanti ed il territorio della Sibaritide. All’interno, conserva molti ambienti di grande interesse e pregevoli opere d’arte tra le quali il trittico di Domenico Morelli raffigurante "Madonna con Bambino e Santi". Lo splendido e sfarzoso Salone, con i suoi magnifici specchi a tutta parete, le decorazioni intarsiati d’oro, i lampadari in cristallo di Boemia e gli affreschi del soffitto, realizzati da Ignazio Perricci, è sede di convegni e concerti, galleria per esposizioni e mostre temporanee. Finito il restauro, nel castello sarà realizzato il Museo informatizzato dell’avventura umana nella Sibaritide. - La presenza dell’uomo al servizio della storia del pensiero e la sua cultura dal paleolitico ai giorni nostri.

Castello di San Mauro: Rappresenta uno dei più significativi esempi di architettura Rinascimentale in Calabria. Fu edificato, sulle rovine di un preesistente monastero di origine Medioevale nel 1515 da Bernardino Sanseverino.

Torre del Cupo: Trae il suo nome dalla pianura del Cupo, così conosciuta fin dal XII° sec. dal suo Terrazzo si dominava la costa dalla foce del Crati fino al Capo Trionto.

Quadrato Compagna: Imponente costruzione rettangolare con quattro grandi porte e colonnato, edificata nel 1850 per dare impulso alle due grandi fiere che si tenevano a Corigliano il I° Novembre e il 15 Maggio di ogni anno.

Ponte Canale: Sec. xv°, con una serie di archi sovrapposti congiunge due colline nella città.

 

Per saperne di più:

ACRI | BISIGNANO | CORIGLIANO CALABRO | LUZZI | ROSE | SAN COSMO ALBANESE | SAN DEMETRIO CORONE | SAN GIORGIO ALBANESE | SANTA SOFIA D'EPIRO | TARSIA | VACCARIZZO ALBANESE |

 

A cura di Ilario Belmonte